La Corsa dei Ceri

  La Corsa dei Ceri a Gubbio: La Corsa parte da Piazza Grande che congiunge Palazzo dei Consoli a Palazzo Pretorio, il 15 maggio di ogni anno inizia l’alzata dei Ceri,  fra il sacro e il profano, la Festa come

 

La Corsa dei Ceri a Gubbio:

Piazza Grande

La Corsa dei Ceri


La Corsa parte da Piazza Grande che congiunge Palazzo dei Consoli a Palazzo Pretorio, il 15 maggio di ogni anno inizia l’alzata dei Ceri,  fra il sacro e il profano, la Festa come solenne atto ispirato a devozione degli eugubini al loro Vescovo Ubaldo Baldassini, dal maggio 1160, anno della sua morte e  ricordi di riti primitivi della primavera e della religiosità cristiana, dove i ceraioli con una corsa velocissima portano i ceri (400 chili l’uno) sul Monte Ingino per onorare la memoria del Santo Protettore Ubaldo.

Nel Cinquecento le candele vennero sostituite con tre strutture in legno tutt’ora in uso nella loro forma originaria (più volte ricostruiti), portati in spalla dai ceraioli. Sulla sommità del Cero si trovano le statue di S.Ubaldo, patrono della città, S.Giorgio protettore dei commercianti e S.Antonio protettore dei contadini. Questa corsa non è una gara perché i ceri arrivano nello stesso ordine di partenza. Tutto sta nell’abilità,  la forza e l’ esperienza, dei ceraioli per portare “sano e salvo” il cero alla Basilica, evitando le cadute, i muri e le finestre, e le oscillazioni pericolose. Bisogna  correre alla massima velocità e rispettare l’ordine di gara e onorare il Patrono contribuendo così al successo della manifestazione.

Percorso della Corsa dei Ceri: